Foreste grigionesi, 60 giovani si dedicano alla natura

0
131

Per la quinta volta, la Banca Cantonale Grigione (BCG) e il Bergwaldprojekt offrono posti di lavoro estivi ai giovani grigionesi. 60 ragazzi hanno l’occasione di lavorare per un’intera settimana dando un prezioso contributo alla protezione delle foreste locali.

Oggi volge al termine la prima delle quattro settimane del progetto. Da lunedì scorso un team di 15 persone lavora nel bosco di Trin. Con l’aiuto delle guardie forestali del Bergwaldprojekt, i giovani lavorano attivamente alla manutenzione dei boschi di montagna. Oggi si è tenuta la giornata dei media, durante la quale Alexander Villiger, responsabile del personale di BCG, Martin Kreiliger, direttore del Bergwaldprojekt e Christian Malär, guardia forestale di Trin, hanno presentato il comune progetto estivo.

Vivo interesse per i lavori estivi della BCG

L’offerta di lavori estivi per scolari e studenti è limitata. La Banca Cantonale Grigione va controcorrente e per la quinta volta offre ai giovani un lavoro durante le ferie. «Questo è il nostro modo per assumerci la nostra responsabilità sociale e offrire ai nostri giovani l’opportunità di svolgere un’attività utile e retribuita», così Alexander Villiger spiega l’impegno della banca. Anche quest’anno, il progetto ha riscosso un grande interesse e circa 160 giovani si sono candidati per il progetto estivo BCG.

Lavorare e apprendere nelle foreste montane grigionesi

Da sempre l’uomo dipende dalla foresta come preziosa risorsa. Protegge dal pericolo di valanghe, frane, erosione e inondazioni. Allo stesso tempo è l’habitat per numerose specie animali e vegetali oltre che un luogo di ristoro e riserva di legname. Con il loro lavoro, le ragazze e i ragazzi contribuiscono attivamente alla conservazione dei boschi di montagna grigionesi. «Oggi molti giovani conoscono la foresta solo come luogo per praticare sport invernali, fare escursioni e trascorrere il tempo libero. Nel Bergwaldprojekt della BCG invece hanno l’occasione di viverla, quindi di lavorare nella foresta e di dare un contributo concreto», spiega Martin Kreiliger, direttore del Bergwaldprojekt. Lunedì prossimo inizia la seconda settimana del progetto a Ilanz.


BCG

CONDIVIDI