Pietro Misani, quando la bontà del lavoro viene premiata

5
1314

Per la Casa Vinicola di Pietro Misani, a Brusio, sono arrivati cinque importanti riconoscimenti che testimoniamo la qualità del lavoro svolto da una delle tante importanti realtà imprenditoriali della Valposchiavo. La Sèlection e DistiSuisse, importanti realtà che premiano da una parte i vini e dall’altra i superalcolici, hanno conferito all’azienda:

  • 1 diploma d’oro per lo Sforzato “Johann Theodosius”.
  • 4 diplomi d’argento per il Fenice barrique, per la Grappa al miele, per il Nocino della Valposchiavo e per il recentissimo Kirsch da Saresa.

I premi maggiormente apprezzati dall’imprenditore brusiese sono stati i quattro diplomi d’argento: “Mi lusinga in special modo – afferma Pietro Misani – quello per il Kirsch da Saresa 100 % Valposchiavo: questa categoria è probabilmente la più combattuta e rappresentata; ottenere un diploma alla nostra seconda distillazione di ciliege valposchiavine mi ha fatto un piacere immenso”.

Per quel che riguarda la Grappa “Riserva La Fenice” barrique non è la prima volta che la Casa Vinicola riceve un diploma, “ma una riconferma dell’ottima qualità – aggiunge Misani – fa sempre piacere. Anche i due liquori, con entrambi l’argento, mi danno fiducia. Entrambi sono nuovi nel mio assortimento – afferma- ed ottenere di primo getto questo riconoscimento mi dà una spinta positiva per i prossimi progetti”.

I prodotti, incluso il nuovo distillato di lamponi, potranno essere degustati alla Sagra della Castagna

Infine, per quanto riguarda lo Sforzato “Johann Theodosius”, per Misani era importante ottenere un parere neutrale da parte di una giuria esperta. “L’ottima qualità di questo vino – afferma – la conoscevo. L’ottenimento del diploma d’oro alla degustazione La Sèlection – die andere Weindegustation mi ha fatto altresì piacere. Questa degustazione viene fatta in concomitanza e collaborazione con la “Basler Weinmesse”, esposizione alla quale purtroppo non ho potuto partecipare per motivi di tempo. È paragonabile all’Expovina di Zurigo, ma con altre persone che valutano i vini”.

“Tengo a precisare che non sono alla ricerca di diplomi, ma voglio semplicemente sapere dove sto con i miei prodotti, sia a livello organolettico come pure analitico. Detto questo – conclude Misani – è stato un settembre fantastico, non solo con la caccia!“.


Marco Travaglia

CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. Posso solo immaginare quanto impegno/lavoro sia stato necessario per ottenere questi ambiti riconoscimenti.
    Un ulteriore importantissimo traguardo raggiunto da questa storica casa vinicola.
    Vanne fiero; stai facendo cose molto belle e buone, Caro Pietro!