Delitto di Zalende, condanne da rivedere

0
1475

Secondo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione di Roma, le pene previste per il processo per il duplice omicidio di Zalende, avvenuto nel 2010, dovranno essere rivalutate dalla Corte d’Appello di Milano.

La colpevolezza di Ruslan Cojocaru e Ezio Gatti è stata confermata. Per il 38enne moldavo la pena potrebbe però ridursi: non più ergastolo, anche se una condanna di almeno 21 anni non potrà essere evitata.

Alla base del cambiamento di giudizio ci sarebbe il venir meno dell’aggravante della crudeltà. Secondo l’accusa, infatti, la visita di Cojocaru a Giampiero Ferrari e alla moglie Gabriella avrebbe dovuto avere solo uno scopo intimidatorio; le cose, però, andarono poi per il peggio.

Anche la sentenza nei confronti del mandante, il valtellinese Ezio Gatti, potrebbe essere rivista. E’ verosimile che i giudici, infatti, vogliano comprendere come mai, nel passaggio del processo tra Sondrio e Milano, ci sia stato un aumento della pena di 2 anni (da 21 a 23).


Marco Travaglia

CONDIVIDI