Lavori stazione di Poschiavo: 10 milioni investiti sul territorio

0
1134
A sinistra Luca Daguati

Lunedì 12 marzo si è tenuta l’ultima seduta della Giunta comunale di Poschiavo. Il primo punto all’ordine del giorno ha riguardato una “Informazione sull’ampliamento della stazione di Poschiavo da parte della Ferrovia retica”. Come ha spiegato l’ingegnere Luca Daguati (Donatsch e partner), dopo un lungo periodo di progettazione, nel corso del mese di maggio potranno iniziare i lavori di ampliamento (banchina, tetto, binari e progetto per il parcheggio).

A seguito dell’introduzione del nuovo orario ferroviario, nel 2008 è iniziata la pianificazione del progetto che, a partire da quest’anno, prevede la realizzazione dei lotti 4 e 5. In particolare, nel 2018, all’interno della stazione si andranno a rinnovare totalmente i binari presenti, si metterà in esercizio il binario doppio, si demolirà e ricostruirà la pensilina; nel 2019, invece, verranno completati gli impianti tecnici ferroviari, i lavori di pavimentazione, oltre che la segnaletica.

Un dato particolarmente significativo riguarda le ricadute economiche sul territorio. Sui 35,6 milioni di costi complessivi (22,7 fino a dicembre del 2017), è stato calcolato che 10 di questi saranno impiegati per le commesse a carico di aziende valposchiavine; allo stato attuale, è stato specificato, sono 23 le imprese vallligiane coinvolte.

Diverse sono state le domande dei consiglieri. Se da una parte, su domanda di Claudio Paganini (PDC), è stato garantito il mantenimento del numero dei parcheggi presenti, rassicurazione è stata espressa soprattutto in merito al mantenimento dei posti di lavoro. A domanda diretta di Fabio Zanetti (PLD), Urs Serena (capoprogetto RhB), ha risposto che non saranno operati tagli al personale, ma che, anzi, grazie alla programmazione di nuovi lavori, è possibile che in futuro venga creata altra occupazione.


Marco Travaglia