Grandi predatori: importante denunciare alle autorità i comportamenti anomali

0
177
© www.GRheute.ch

Le autorità grigionesi hanno dovuto abbattere un giovane lupo malato. L’animale soffriva di encefalite, ma la causa della malattia non è finora nota.

Il lupo, un maschio nato probabilmente l’anno scorso, è stato abbattuto il 3 luglio, si legge in un comunicato odierno dell’Ufficio per la caccia e la pesca. Sulla base dei sintomi si riteneva fosse affetto da cimurro o da un altro disturbo del sistema nervoso centrale.

Il predatore si muoveva infatti durante il giorno, un comportamento atipico. Era apatico, non mostrava alcun timore e non reagiva ai richiami. Inoltre, il muso era gonfio e gli occhi spesso chiusi, sintomo di elevata sensibilità alla luce.

I test, condotti dal Centro di medicina veterinaria dei pesci e degli animali selvatici FIWI dell’Università di Berna, non hanno però riscontrato la presenza del virus del cimurro. L’animale presentava in compenso un’encefalite chiaramente riscontrabile. È stata inoltre accertata un’infestazione da dirofilaria: è la prima volta che un tale risultato viene riscontrato su un lupo in Svizzera. Presente anche un’elevata infestazione da parassiti. Questo caso – viene evidenziato nella nota – mostra l’importanza di annunciare agli organi di vigilanza la presenza di animali che manifestano un comportamento anomalo.


ats

CONDIVIDI