Una grande vittoria

0
1083

Una mattina, poco dopo l’inizio della scuola, il nostro maestro di classe, Sandro Plozza, è entrato in classe e ci ha lanciato una proposta: partecipare ad un concorso nazionale indetto per la giornata digitale.
Il concorso consisteva nel creare un video che parlasse della pausa del futuro 4.0. Abbiamo fatto una votazione e la maggior parte della classe ha scelto di partecipare a questo concorso.

Da lì è iniziata per noi una splendida avventura.
Ci siamo messi subito all’opera perché avevamo poco tempo a disposizione: il termine di consegna era il il 24 settembre 2018.
Per iniziare ci siamo divisi in tre gruppi e ognuno ha scelto il proprio tema da trattare.
Il nostro insegnante ci ha consegnato un foglio da compilare e ci siamo organizzati per procurare i costumi e gli accessori.
Dopodiché abbiamo iniziato a provare i video, abbiamo creato una storia e scelto un luogo dove girare le riprese.
Dopo numerose prove abbiamo registrato i nostri video definitivi.
Era stato molto divertente realizzare le registrazioni e immedesimarci nei personaggi ma non ci aspettavamo la vittoria.

Invece, alcune settimane dopo, è arrivata un’e-mail al maestro Sandro. Quel giorno è arrivato in classe molto euforico e ci ha dato questa strabiliante notizia: uno dei nostri video, quello intitolato “Cyberbullismo”, aveva vinto il primo premio.

Siamo rimasti tutti a bocca aperta, eravamo sbalorditi e non riuscivamo a credere di aver vinto 2’000 franchi.

Il 20 novembre 2018, direttamente da Ginevra, è arrivata una cordiale signora che ci ha consegnato di persona il premio.

Le motivazioni che hanno portato alla vittoria uno dei nostri video sono state la buona qualità delle riprese e il tema trattato, quello del bullismo.
Nei nostri filmati abbiamo voluto affrontare delle tematiche che riguardano da vicino il mondo di noi adolescenti e abbiamo raccontato come la tecnologia, che per noi è utilissima, possa anche avere dei lati negativi se non usata in modo corretto e maturo.


La classe 1A – Scuole superiori di Poschiavo

CONDIVIDI