Stazioni sciistiche sorridono dopo le feste

0
152
Fonte: https://www.engadin.stmoritz.ch/

Le stazioni sciistiche hanno fatto il pieno di visitatori durante le feste di fine anno. Il sole e le buone condizioni della neve hanno attirato i turisti sulle piste e negli alberghi.

Sulla base di una prima valutazione, gli impianti grigionesi (BBGR) hanno registrato un aumento del 5,5% del numero di visitatori nel corso dell’anno, grazie al sole e al buono stato delle piste. Anche in un confronto a lungo termine, il numero di clienti è aumentato
dello 0,8% in dieci anni. Rispetto a cinque anni fa il risultato è migliore del 5,8%. Rispetto all’anno scorso, il fatturato dei trasporti di BBGR è addirittura aumentato del 15,6%.

St. Moritz ha registrato il più alto aumento regionale con il 10,6%. In un comunicato stampa, i responsabili degli impianti grigionesi sottolineano la grande importanza delle previsioni meteorologiche sul numero di visitatori.

A Gstaad (BE), invece, è ancora troppo presto per valutare la stagione delle vacanze. Ma Matthias In-Albon, direttore degli impianti di risalita di Destination Gstaad, si dice fiducioso che la stazione sarà in grado di raggiungere gli stessi valori dello scorso anno entro domenica.

Flumserberg (SG) ha avuto diversi giorni di “altissima affluenza”. La più grande regione di sport invernali della Svizzera orientale ha registrato più di 70’000 visitatori fino a Capodanno e i posti letto erano “ben occupati”, secondo i responsabili degli impianti di risalita.

In Vallese, Verbier ha registrato più di 20’000 sciatori al giorno, ha detto Laurent Vaucher, direttore di Téléverbier, intervistato da Keystone-ATS. L’affluenza è in aumento rispetto all’anno scorso. A differenza dei primi giorni del 2018, che sono stati guastati dal passaggio della tempesta Eleanor/Burglind, quest’anno il tempo è stato bello e le condizioni della neve sono “superbe”, aggiunge Vaucher.

Lo stesso vale per le Alpi vodesi. “Possiamo solo sorridere”, dice Pierre Besson, direttore di Télé Villars-Gryon-Diablerets. Le stazioni sono “molto piene”. Anche se la stagione è iniziata alla fine di quest’anno, le vacanze natalizie sembrano migliori dell’anno scorso. Attualmente, ci sono quasi 8’000 sciatori al giorno in questo comprensorio sciistico, rispetto ai 1’500 dell’inizio di gennaio 2018.

La forte affluenza di sciatori ha inevitabile conseguenze anche per i soccorritori. La Rega ha effettuato circa 350 voli di salvataggio tra Natale e il 2 gennaio, più di 40 al giorno. Da parte sua, Air Glaciers è intervenuta 176 volte tra il 20 dicembre e Capodanno, ovvero 13,5 volte al giorno. Queste cifre corrispondono agli “standard di stagione”, secondo Air Glaciers.

I picchi sono stati registrati lo scorso fine settimana, con circa 20 interventi giornalieri per la società vallesana e circa 80 il sabato per la Guardia aerea svizzera di salvataggio.

Più della metà degli interventi della Rega sono stati causati da appassionati di sport invernali che hanno subito lesioni alle spalle, alla schiena, fratture o commozioni cerebrali. I casi di malattia sono stati la seconda causa. Finora un solo intervento si è reso necessario a causa di una valanga.


Ats

CONDIVIDI