Un autopostale elettrico per gli scolari della Valposchiavo

0
395
Inaugurazione autopostale elettrico, Poschiavo 16.02.19

Per la prima volta un autopostale elettrico circolerà nel Canton Grigioni, per il trasporto degli scolari nella Valposchiavo. AutoPostale può contare sul partner locale Repower, che ha installato l’infrastruttura necessaria per ricaricare i veicoli.

Da ora gli scolari potranno percorrere il tragitto tra Miralago e la Val dal Teo nella Valposchiavo con un autopostale elettrico. AutoPostale ha infatti deciso di impiegare per il trasporto degli scolari della valle un minibus alimentato a batteria. Si tratta del modello «E-Daily» del produttore Iveco. Il veicolo è lungo 7,12 m, largo 2,05 m e dispone di 25 posti a sedere omologati per i bambini e muniti di cinture di sicurezza. Sono presenti anche due posti supplementari per gli adulti. Se necessario è anche possibile sostituire i sedili: con l’abituale dotazione di AutoPostale, il minibus può trasportare 16 viaggiatori. Quest’ultimo allestimento è previsto soprattutto per l’utilizzo durante le vacanze. Inoltre, il veicolo può essere prenotato per corse speciali.

Il concetto operativo prevede che la batteria venga ricaricata durante la sosta in garage, possibile sia durante il giorno sia di notte. La potenza caricata tramite il plug-in ammonta a 22 kWh e sono necessarie quattro ore per ricaricare una batteria completamente scarica. Il veicolo può coprire un’area massima di 110 chilometri.

Repower: un partner locale forte
Come per altri progetti relativi a veicoli elettrici, AutoPostale ha avviato anche nella Valposchiavo una collaborazione con un partner locale ed è quindi molto felice di poter contare sul grande supporto del fornitore di energia Repower per la circolazione dello scuolabus elettrico. Repower finanzia l’adeguamento dei sedili per i periodi di vacanza, quando l’autopostale verrà impiegato per il trasporto dei viaggiatori. L’azienda partner ha inoltre installato nel garage l’infrastruttura necessaria per ricaricare il veicolo, che è stata integrata nella rete PLUG’N ROLL. La rete PLUG’N ROLL viene costantemente ampliata con partner provenienti da diverse regioni svizzere.

Kurt Bobst, CEO di Repower, ha affermato: «Siamo fieri di poter collaborare all’introduzione del primo autopostale elettrico nella Valposchiavo e siamo specialmente felici che per questo progetto vengano utilizzate l’infrastruttura di ricarica e la rete di PLUG’N ROLL. Questo sottolinea il nostro impegno attivo a favore della roadmap mobilità elettrica 2022 del Consiglio federale, lavorando così al raggiungimento degli obiettivi energetici e climatici fissati in Svizzera».

Durante le vacanze lo scuolabus elettrico di AutoPostale può essere utilizzato anche per il trasporto di tutti i passeggeri. (immagine: AutoPostale)

AutoPostale raccoglie esperienze con i veicoli elettrici
La mobilità elettrica diventa sempre più importante per AutoPostale. L’azienda impiega, infatti, veicoli elettrici già a Saas-Fee, Interlaken e Sarnen, dove autopostali di medie dimensioni circolano quotidianamente con ottimi risultati. Gli autopostali elettrici convincono grazie alla loro guida silenziosa ed elevata affidabilità nel servizio di linea. Anche i viaggiatori apprezzano molto questi veicoli.

Clima ed energia: la Posta si impegna a preservare un ambiente in cui è bello vivere
Da anni, clima ed energia sono le colonne portanti della strategia di sostenibilità della Posta. Per ogni singolo invio, ogni passeggero trasportato, ogni transazione e ogni metro quadrato riscaldato dei nostri edifici, la Posta ridurrà le emissioni di CO2 del 25% entro il 2020 (anno di riferimento 2010). Già oggi, l’elettricità necessaria alla Posta è ricavata al 100% da fonti di energia rinnovabili certificate «naturemade» e di provenienza svizzera.

Informazioni

Servizio stampa AutoPostale, +41 58 38 57 00, infomedia@autopostale.ch

Servizio stampa Repower, +41 81 423 78 75, thomas.grond@repower.com

 

CONDIVIDI