Matteo Badilatti alla “Vuelta a Colombia”

1
946

Non si interrompono le esperienze agonistiche di alto livello per il valposchiavino Matteo Badilatti: dopo alcuni ottimi piazzamenti, tra cui la vittoria al Tour de Taranteise, e la partecipazione al Tour d’Auvergne in Francia, il giovane atleta si trova impegnato in questi giorni alla “Vuelta a Colombia”.

Badilatti partecipa a questa competizione internazionale, in un’esperienza che lo tiene impegnato dal 28 luglio al 15 agosto, grazie alla nazionale svizzera che gestisce il team “Swiss Cycling”; il team elvetico conta sei atleti, tre dei quali pescati dal Velo Club Mendrisio, di cui Matteo fa parte.

L’atleta valposchivino si trova attualmente in 78^ posizione ed è riuscito ad indossare per un giorno anche la maglia di “Miglior straniero”. “Il livello è molto alto, – racconta Matteo in un’intervista esclusiva con il presidente de Il Bernina Bruno Raselli – soprattutto in salita. Dopo la quarta tappa, con arrivo a 3500 metri, ho vestito la maglia di miglior straniero… maglia che ho perso il giorno seguente a favore di un italiano”.

Nella terzultima tappa, in programma l’11 agosto, con arrivo a Alto de Letras (3700 m, la salita più lunga del mondo) “ho urtato un’ammiraglia cadendo e così compromettendo la giornata. Ora – afferma l’atleta valposchiavino – mancano solo due tappe e c’è da resistere… “.

Al di là del risultato finale, per Matteo Badilatti si tratta di un’eccellente banco di prova. “Lo scopo – conclude Matteo – è quello di fare esperienza e affrontare una corsa a tappe di lunga durata: è uno sforzo che farà bene per l’avvenire”.


Marco Travaglia

CONDIVIDI

1 COMMENTO